Guarire dal dolore è possibile quando lo elabori attraverso il lavoro su di te.

Nel corso della tua esistenza, infatti, accumuli grandi quantità di dolore di diversa natura.

Guarire dal dolore non significa far finta che il dolore non esista.

Guarire dal dolore significa trasformarlo in opportunità, in luce, in amore.

Quando questo non avviene, si manifestano nella tua vita diverse forme depotenzianti, sia a livello fisico che mentale ed emozionale.

Frustrazione, rabbia, paura, senso di impotenza, malattie di vario genere, sono il risultato di un dolore non trasformato.

Il dolore è di per sé assenza di amore. I neonati si lasciano morire nei casi in cui non vengono loro dedicate le necessarie cure amorevoli.

Come si fa a guarire dal dolore?

Dario Canil in uno dei suoi libri che amo leggere e rileggere, meditare e metabolizzare, offre un interessante punto di vista (il libro è Avrah ka dabra).guarire-dal-dolore-canil

Per guarire dal dolore infatti è sufficiente servirsi della benedizione…

Aspetta un momento però: non ti sto dicendo di correre dal tuo parroco o di pregare il tuo Dio per riceverne benedizioni. O meglio, se ti fa piacere fallo pure, ma non è questo che intendo.

Partiamo dal principio taoista secondo il quale

Il mondo è come pensi che sia

Bene-dire significa dire bene. La parola ha un enorme poter magico.

Abra ka dabra

significa, “creo ciò che dico“.

Quando pronunciamo delle parole, aggiungiamo ai nostri pensieri un ingrediente potentissimo: la vibrazione sonora.

guarire-dolore

Siamo stati progettati da un insieme di parole bellissime. Per questo quando pronunciamo parole terribili, anche nella società le cose vanno male. La scelta delle parole è molto importante e bisogna fare molta attenzione alle parole che usiamo, ad esempio, anche quando si danno istruzioni ai bambini…

Emoto

Le vibrazioni che emetti influenzano la realtà che ti circonda.

La Bene-Dizione è dunque un atteggiamento consapevole di rielaborazione delle esperienze di vita in un’ottica di perfezione e di equilibrio.

Grazie alla benedizione puoi guarire dal dolore, alzando le vibrazioni del tuo essere.

Scegliendo consapevolmente di sintonizzarti sugli aspetti luminosi anziché farti sopraffare dal panico, ciò che ottieni è la conversione del dolore in consapevolezza e opportunità.

Ti racconto una mia esperienza personale: sono nata e cresciuta a L’Aquila.

Quando nel 2009 ci fu il terribile terremoto che mise in ginocchio la mia città e i miei conterranei, io non ero a L’Aquila in quei giorni.

copertina 2Per una serie “fortunata” di eventi, che racconto in modo dettagliato nel mio romanzo Vietato l’accesso , ero a Milano.

Nei giorni successivi al terremoto ero disperata! Inerme, trascorrevo le mie giornate davanti la televisione, passando da un telegiornale all’altro.

Con ricchezza di dettagli mi mostravano le strade, le case della mia città, distrutte.

I miei genitori e mia sorella nei mesi successivi il terremoto vissero in un camper.

Io avevo avuto la benedizione di essere ospitata in una casa vera a Milano, lontana da quell’inferno.

Una sera ricevetti una telefonata importante: la mia migliore amica, quella che da giorni tentavo di contattare, era morta.

Fu un vero incubo. Smisi di mangiare. E per me è davvero preoccupante. Persi molto peso nel giro di pochissimi giorni.

Mi sentivo persa, completamente sovrastata da quanto era accaduto e continuava ad accadere. In più cominciava ad insinuarsi un subdolo senso di colpa per non essermi trovata a L’Aquila al momento della tragedia (come se avesse cambiato qualcosa).

La sensazione era quella di cadere a fondo, senza avere la forza di fare nulla: la conosci questa sensazione?

Ci fu un momento in cui qualcosa mi spinse a cambiare il mio punto di vista. Non so spiegarti bene come e perché. Ma l’immagine più evidente che ho per spiegarti quanto successe è questa.

Mi alzai metaforicamente da quel sedile triste e pieno di dolore. Arrancando svogliata caddi a peso morto su un altro posto. E avvenne proprio questo dentro di me, perché cominciai a osservare quanto era successo da una prospettiva differente.

Cambiò tutto.

Cominciò a sciogliersi un nodo alla gola, fatto di dolore, paura, senso di colpa, rabbia, impotenza, disperazione e tristezza.

Vedevo tutti i motivi per cui sentirmi profondamente grata, a cominciare dal fatto che ero viva e che la vita mi voleva ancora qui.

Quale presunzione avevo per non sentirmi infinitamente riconoscente di quel dono?

Cominciai a piangere di gioia, per tutte le piccole luci della mia vita che, grazie a quel cambio di prospettiva, diventavano sempre più evidenti.

Stavo letteralmente benedicendo la mia vita e l’Universo rispondeva con lo stesso ardore.

Dov’è l’Amore?
E’ dall’altra parte della paura, è in tutto ciò che è , anche quando non lo colgo immediatamente. E’ in tutto ciò che non trattengo. E’ espressione, vita, azione, esperienza.

Dario Canil

Guarire dal dolore con la benedizione vuol dire questo: agire nel momento presente per sciogliere un dolore passato.

Questo avviene per un motivo molto semplice. Benedicendo ci auto-conferiamo un potere magico istantaneo in grado di trasformare l’energia detta “dolore” in energia propositiva chiamata “consapevolezza”.

Quando riconosci sinceramente e con un profondo atto di resa che ciò che accade è perfetto in ogni cosa, cambi tu e quindi ciò che stai vivendo.

Leggi anche Uscire dalle difficoltà

E questo non può farlo nessun guru per te: sei l’unico in grado di trasformare il tuo dolore.

Dalle basse vibrazioni della disperazione schiacci l’acceleratore emotivo del tuo cuore e ti riposizioni tra quelle vibrazioni elevate, utili a te, alla tua guarigione, al miglioramento della tua situazione.

Non c’è un obiettivo da raggiungere
non c’è qualcosa di cui lamentarsi
non c’è qualcosa da conquistare
Tu sei l’Essere. E lo Sei sempre.

Dario Canil

Per guarire dal dolore, qualsiasi esso sia, non pensare di dover partire dall’esterno: parti da te, dal tuo centro. Il resto, come sicuramente avrai sentito dire tante volte, è una felice conseguenza.
Ma ora sai perché!

Spero che questo articolo ti sia stato utile. Se vuoi approfondire il discorso ti invito ad acquistare il libro di Canil che puoi trovare qui—> Dario Canil, Avrah ka dabra.

Se sei curioso di scoprire di più a proposito della mia storia personale ti invito a leggere il mio libro che puoi trovare qui–> Vietato l’accesso

Aspetto i tuoi commenti 😉

Ti mando un caro saluto e ci leggiamo presto

Rosalba

Annunci