Riconoscere la propria energia spirituale ed essere in grado di manifestarla significa comprendere che dentro di noi abbiamo già la capacità di attirare ciò che desideriamo.

Tutto ciò che sei abituato a percepire come reale ha la sua origine nel mondo spirituale.

Le cose che si vedono non sono fatte di cose che realmente appaiono.

San Paolo

Questo perché l’energia spirituale capace di creare non è né limitata né tangibile.

Tale energia spirituale, come forse già sai, è presente in tutto ciò che ti circonda, anche dentro di te: essa ha un impatto sulle cose che vedi grazie al potere dell’attrazione.

Nulla di magico o forse sì se consideri magia ciò che accade in un campo magnetico.

Non puoi pensare di osservare questa energia con i tuoi sensi, nonostante sia evidente come essa attiri e respinga ogni cosa intorno a te.

Comprendere che noi siamo questa energia spirituale ci pone un passo in avanti nella possibilità di usare l’energia stessa.

Questo significa che la stessa energia spirituale che è in te è anche in ciò che tu desideri, che senti solo apparentemente distante da te.

Non c’è assolutamente differenza, se non di livello, tra il potere che trasferisce ogni cosa dal mondo delle onde al mondo delle particelle e quello che trasforma i nostri pensieri o le nostre immagini mentali in forma.

W. Dyer

Il mondo cosiddetto spirituale e quello materiale non sono affatto separati: essi costituiscono piuttosto un tutto unico e armonioso. Pur essendo ben distinti essi formano un insieme impossibile da dividere.

Osserva i tuoi pensieri, le immagini che ti fai quotidianamente.

Perché?

Essi sono la tua capacità di manifestare l’energia spirituale nella tua realtà.

Mantieni i tuoi pensieri positivi, perché i tuoi pensieri diventano parole.
Mantieni le tue parole positive, perché le tue parole diventano i tuoi comportamenti.
Mantieni i tuoi comportamenti positivi, perché i tuoi comportamenti diventano le tue abitudini.
Mantieni le tue abitudini positive, perché le tue abitudini diventano valori.
Mantieni i tuoi valori positivi, perché i tuoi valori diventano il tuo destino.

Gandhi

La condizione senza la quale i tuoi pensieri e le tue immagini mentali si manifestano nel mondo visibile e concreto è che il quadro che tu immagini sia completo nel qui e ora.

L’energia spirituale è esente dai concetti spazio-temporali di cui abitualmente ci serviamo.

Di seguito vorrei darti qualche spunto di riflessione per manifestare l’energia spirituale e quindi la tua capacità creativa.

Come al solito ci tengo a ribadire che i miei sono suggerimenti, non regole né ricette per la felicità: non ho l’autorità (e non voglio averla!) per dirti come devi fare. Quello lo sai solo tu.

Credo tuttavia esistano strumenti utili a più persone per poter trovare la propria strada e finalmente cominciare a percorrerla con coraggio.

Questo è il senso ultimo del manifestare l’energia spirituale.


Come manifestare l’energia spirituale? Quattro spunti di riflessione

manifestare-energia-spirituale

 

  1. Al mattino concediti un po’ di tempo per dare una direzione ai tuoi pensieri e quindi al tuo agire, facendoti due semplici domande:Come hanno fatto a manifestarsi le condizioni di vita che vorrei cambiare?Come posso fare per permettere all’energia spirituale di manifestarsi in totale libertà e gioia per raggiungere ciò che desidero?

     

  2. Regalati del tempo per creare il quadro completo e ricco di dettagli di ciò che vuoi manifestare nella tua realtà. Concentrati sulle emozioni e su quanto ti senti bene.Ripeti questo esercizio di visualizzazione più volte al giorno per tutto il tempo necessario.
    Non cambiare spesso la disposizione del tuo quadro mentale, piuttosto scegli di arricchirla.
  3. Non creare attrito. In altre parole non porre limiti alla capacità di manifestare la tua energia spirituale. Essa non ha limiti. Sei tu che decidi quali paletti definire.Quando, nella tua visualizzazione, interviene un pensiero limitante osservalo nel modo più distaccato possibile, per comprenderne la provenienza.
    Probabilmente fa parte di un tuo schema automatico installatosi da bambino o in un momento particolare della tua vita nel quale non avevi i giusto strumenti per elaborarlo diversamente.
    Tu non hai limiti. La tua capacità di apprendere e illimitata. Sorprendi te stesso, dunque, riscrivendo quei frangenti di vita laddove ti accorgi di aver creato solo recinti alla capacità di manifestare l’energia spirituale.
    L’energia spirituale non distingue tra passato e futuro ma è sempre presente: accettando il tuo limite nel qui e ora ti dai la possibilità di dissolverlo e di permettere a te stesso di andare avanti.
  4. inventarsi-la-vitaUltimo suggerimento: una lettura che mio papà mi donò a Natale del 1999 (avevo 18 anni). La sua dedica sintetica ma piena di affetto così recita:“A Rosalba per conoscersi meglio
    papà.”Il libro in questione è Inventarsi la vita di Wayne Dyer. Sono certa che troverai ottimi spunti di riflessione tra le pagine di questo che io definisco da 19 anni un fidato compagno di viaggio.

 

Manifestare l’energia spirituale significa vivere pienamente il dono della vita, tenendo conto delle tue immense potenzialità.

Non costringere te stesso a vivere ciò che non ami. Sei infinitamente più grande di ciò che credi.

Grazie per avermi letto. Aspetto tuoi commenti e se non lo hai ancora fatto, iscriviti alla mia newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti periodici.

Ci leggiamo alla prossima 😉

Rosalba

 

 

 

Annunci